Giammaria Noviello

 

Gli Stati Uniti sono essenzialmente una nazione di immigrati il ​​cui insediamento è quindi l’eredità di molte ondate migratorie di varia origine. L’afflusso di immigrati nelle prime fasi di questo fenomeno è stato contraddistinto dalla migrazione di individui appartenenti a diverse nazionalità degli Stati Europei e delle Isole britanniche, in seguito la concentrazione del flusso dall’Europa agli Stati Uniti ha lasciato più spazio alla migrazione italiana. Dal 1990 in poi si è registrato una nuova tendenza nei flussi dall’Asia e dal Sud America che ha visto aumentare esponenzialmente l’immigrazione della popolazione ispanica e asiatica di conseguenza la rappresentanza degli stessi all’interno della variegata popolazione statunitense è cresciuta rapidamente. Questi sviluppi nel sistema di immigrazione degli Stati Uniti hanno portato a una crescente diversificazione della loro popolazione e delle sue relazioni interne. Solo analizzando i futuri cambiamenti derivanti dalle proiezioni in tema di migrazione e le cause connesse a queste, sarà quindi possibile pronunciarsi sulle questioni geopolitiche interne che scaturiscono proprio dalle dinamiche che stanno trasformando la composizione demografica degli Stati Uniti.

Se gli Stati Uniti sono sempre stati multietnici, la loro diversità demografica è rimasta comunque, per lungo tempo, abbastanza limitata. Nel 1960, la categoria dei bianchi non ispanici era ancora schiacciante, costituendo quasi l’85% della popolazione, accanto al 10,8% di afroamericani ci sono solo il 3,3% di ispanici, lo 0,6% di asiatici e l’1% di vari. Conosciamo queste percentuali perché, dal primo censimento del 1790, gli Stati Uniti registrano la composizione della sua popolazione in base all’affiliazione etnica scelta da ciascun abitante durante i censimenti decennali.

La prima distribuzione del censimento del 1790 è semplice poiché i residenti liberi si distinguono come bianchi e “altri”, mentre gli schiavi vengono conteggiati separatamente. Il primo cambiamento, preludio a modifiche sempre più frequenti, interviene nel 1860, con la decisione di distinguere i Bianchi, i Neri e il Quadroon (persone di cui uno dei quattro nonni è nero). Nel censimento del 1870 furono aggiunte due nuove categorie, gli indiani d’America e i cinesi. Venti anni dopo, nel 1890, il censimento declinò otto categorie di persone, tra cui l ‘”Octoroon”(di cui uno degli otto bisnonni era nero).

La moltiplicazione del numero di categorie etniche durante i censimenti del 20 ° secolo rende la classificazione sempre più dettagliata. L’ultimo censimento, quello del 2000, distingue venti categorie. Tra gli asiatici, distingue i cinesi, i giapponesi, i filippini, gli indiani, i coreani, i nativi delle Hawaii, i vietnamiti, originari delle Isole Samoa e “vari asiatici”. Tra gli ispanici, specifica i seguenti titoli: “messicani, messicani americani e chicanos”, portoricani, cubani e “altri spagnoli” (ispanici / latini). Tuttavia, il grande cambiamento di classificazione rispetto al censimento del 2000 deriva dalla possibilità, data per la prima volta a ciascun abitante, di dichiararsi in diverse categorie etniche.

L’altro grande cambiamento nel censimento del 2000 è nei suoi risultati, con un numero di ispanici che, a causa della loro migrazione relativamente grande e della loro alta fertilità, hanno appena superato quello degli afroamericani alla fine del 1990. A metà degli anni 2000, precisamente nel 2006, gli afroamericani non erano più, secondo i dati evidenziati per la prima volta nel censimento del 2000, la minoranza più grande, e stimati al 12,9% della popolazione. Gli ispanici rappresentano il 14,9% della popolazione degli Stati Uniti, due punti percentuali in più rispetto a quello degli afroamericani e dopo una crescita considerevole di oltre 11 punti in 45 anni. Gli asiatici e le isole del Pacifico rappresentano il 4,4% della popolazione, mentre i nativi americani e i nativi dell’Alaska rappresentano meno dell’1%. Di conseguenza, la maggior parte della popolazione rimane classificata nella categoria dei bianchi non ispanici, ma con una percentuale (66,7%) in forte calo poiché è scesa di quasi 18 punti in 45 anni.

Se il numero di ispanici che vivono negli Stati Uniti era ancora inferiore a 15 milioni nel 1980, nel 2005 ha raggiunto i 42 milioni. È una componente molto diversa degli afroamericani, per le sue origini, la sua cultura e la geografia delle sue residenze. Mentre la maggior parte degli afroamericani sono storicamente e geograficamente distanti dalle loro regioni africane di origine, gli ispanici mantengono spesso legami con le loro origini geografiche, facilitando così il perseguimento di flussi della stessa origine attraverso le reti migratorie. Si distinguono anche per la loro unicità (cattolica) religiosa e rimangono uniti dall’uso di una lingua comune – lo spagnolo – la cui importanza rimane grande, in particolare a causa di un certo analfabetismo e meno istruzione.

La crescente diversità dell’insediamento degli Stati Uniti, la preoccupazione di alcuni anglo-americani e l’incertezza relativa all’avvento di una società che non sarebbe più insolita, sollevano dei punti di domanda su quella che può essere l’evoluzione degli equilibri geopolitici interni della società americana. L’ascesa delle minoranze etniche ha finora favorito l’emergere di un paesaggio multiculturale. Ma l’inesorabile ondata demografica ispanica potrebbe sfidare questo modello di mosaico culturale a favore di quello di una razza più mista, che genera tensioni e crisi d’identità.

Per lungo tempo, il concetto della multiculturalità si affiancava alla nozione di melting pot (che tradotto significherebbe calderone) una formulazione dovuta al titolo dell’opera teatrale di Israel Zangwill (1864-1926). Secondo questa metafora, tutte le differenze iniziali di natura culturale, sociale e di lingua verrebbero cancellate per formarne solo una in uno stesso insieme. Il termine, ampiamente usato per indicare l’integrazione di milioni di immigrati provenienti da diversi contesti negli Stati Uniti, non è mai stato più che un mito; infatti la diversità etnica negli Stati Uniti e la sua evoluzione mostrano che la completa adesione di tutti i tipi di immigrati ai valori e allo stile di vita anglosassoni non è possibile.

Tuttavia, è vero che nel tempo gli immigrati sono entrati a far parte di un “grande affresco americano”, in cui ciascuno conserva le sue specificità impegnandosi ad accettare un universale comune, un affresco a volte indicato come Insalatiera. Questa formula vuole enfatizzare il carattere reciprocamente complementare delle diverse comunità etniche: la maggior parte dei gruppi etnici negli Stati Uniti mantiene la propria identità culturale e, allo stesso tempo, diventa parte del mosaico sociale. Il loro scopo non è quindi quello di assimilarsi a uno standard anglosassone, ma di essere in grado di vivere le loro differenze nel rispetto delle regole comuni, tra cui l’accettazione della bandiera, la Costituzione o il giuramento di fedeltà per essere naturalizzato. Contrariamente al mito di una completa assimilazione secondo il famoso modello del melting pot, gli Stati Uniti sono in realtà formati da una molteplicità di comunità e sub-comunità, ciascuna vivente secondo la sua storia e la sua cultura, ma tutti i suoi cittadini aderiscono a elementi comuni di identità che condizionano l’appartenenza alla stessa nazione. È quindi l’esatto contrario del comunismo, una situazione in cui le comunità vogliono affermare sugli individui che gli appartengono una preminenza uguale o maggiore di quella della Nazione.

Ma questo motivo a mosaico, può anche essere contraddetto dai fatti, poiché vi sono influenze reciproche tra le culture di diversi gruppi umani negli Stati Uniti. Il processo di integrazione non deriva solo dall’accettazione di un universale comune, ma anche dalla compenetrazione tra elementi culturali originariamente appartenenti a una singola comunità. In altre parole, tra l’assimilazione completa simboleggiata dall’espressione melting pot e il pluriculturalismo espresso dall’espressione Insalatiera, sono in corso altri sviluppi in base ai quali vengono costruite combinazioni culturali che vanno oltre determinate differenze definite con il termine di browning (doratura) . Non a caso la realizzazione citata sopra, durante il censimento del 2000, di una nuova categoria “multirazziale”, legata alla possibilità di dichiararsi in diverse categorie etniche, sembra confermare questa tendenza. In breve, il concetto di browning fa avanzare l’idea che gli Stati Uniti presto non saranno più un paese di bianchi, ispanici o afroamericani, ma di razza mista. Questa crescita dell’incrocio porta a tensioni tra coloro che temono la graduale dissoluzione dell’identità nazionale. Ma gli Stati Uniti rimangono plurali, perché non si tratta di un incrocio generalizzato, ma di incroci che coinvolgono solo una parte della popolazione.

Per quanto riguarda la storia, insegna che gli Stati Uniti sono riusciti in gran parte a combinare cittadinanza ed etnia. In passato, molti immigrati, a lungo considerati non assimilabili (tedeschi, irlandesi, slavi e italiani) si sono integrati perfettamente. L’identità degli Stati Uniti si basa infatti sull’espressione di una “doppia fedeltà” che consente a ciascun individuo di aderire alla Nazione e ai suoi simboli preservando elementi e tradizioni culturali molto vari, come le differenze tra i puritani del New England, i tolleranti della Pennsylvania, o dei cattolici irlandesi.

I processi di integrazione potrebbero pertanto continuare a funzionare. Le trasformazioni etniche indotte dalla diversificazione demografica non devono necessariamente mettere in discussione l’identità e la cultura americane, ma al massimo per cambiarla, che mostrerebbe ancora una volta la formidabile capacità di integrazione di Stati Uniti, che hanno forgiato la loro storia e il loro potere su questa qualità.

 

Bibliografia

 

  1. David Polansky, L’impero che non c’è. Geopolitica degli Stati Uniti d’America, Guerrini e Associati, Milano 2005.
  2. Margherita Giannoni. equità nell’accesso ai servizi sanitari, disuguaglianze di salute e immigrazione, Franco Angeli, 2010.
  3. Fabio Berti, Esclusione e integrazione. Uno studio su due comunità di immigrati, Franco Angeli 2000.
  4. Gianluigi Bonaiuti e Alessandro Simoncini, La Catastrofe e il parrassita: Scenari della transazione globale, Mimesis editore, 2004-

 

 

Sitografia

  1. Population Profile of the United State. U.S. Department of Commerce, Bureau of the Census 31 dicembre 2000 (sempre consultabile on-line).
  2. State Population and Household Estimates; U.S. Department of Commerce, Bureau of the Census, 31 dicembre 1989 (sempre consultabile on-line).

[1]David Polansky, L’impero che non c’è. Geopolitica degli Stati Uniti d’America, Guerrini e Associati, Milano 2005 pag45-75

 

[2] Population Profile of the United State. U.S. Department of Commerce, Bureau of the Census 31 dicembre 2000

 

[3] State Population and Household Estimates; U.S. Department of Commerce, Bureau of the Census, 31 dicembre 1989

 

[4]Margherita Giannoni. equità nell’accesso ai servizi sanitari, disuguaglianze di salute e immigrazione, Franco Angeli, 2010 pag 19-27

 

[5] Fabio Berti, Esclusione e integrazione. Uno studio su due comunità di immigrati, Franco Angeli 2000, pag 59-86

[6] Gianluigi Bonaiuti e Alessandro Simoncini, La Catastrofe e il parrassita: Scenari della transazione globale, Mimesis editore, 2004 pag. 312- 341